Intervistiamo la prof Loredana

Di

Ogni mese la redazione di Digital Merenda intervista una insegnante o un insegnante.
Perché? Perché siamo curiosi! Vogliamo scoprire quale libro ha cambiato le loro vite, come e quando hanno scelto di diventare docenti, quale libro consiglierebbero a un/a bimbo/a delle elementari o ad un/ una 17enne, e come si sono innamorati della lettura e della letteratura.

Come ti chiami e cosa insegni?

Mi chiamo Loredana Venezia; insegno Lettere (Italiano, Storia e Geografia) nella scuola secondaria di I grado “B. Luini” di Lora Lipomo di Como.

Quando e come hai capito di voler diventare una docente?

In realtà, era il famoso “sogno nel cassetto” che si è poi fortunatamente realizzato!

Qual è il primo libro che ricordi di aver letto da bambina?

Le “Favole” di Esopo che mi era stato regalato dalla mia maestra: è ancora qui con me, “regalato” a mio figlio!

Qual è il libro che avuto un impatto importante sulla tua vita all’epoca della scuola media?

Senza dubbio direi Il libro “Cuore” di E. De Amicis

Quale invece quello più importante durante la scuola secondaria di secondo grado?

“Il Deserto dei Tartari” di D. Buzzati

Se potessi consigliare a te stesso / te stessa quindicenne un libro, quale sarebbe?

“Una barca nel bosco” di P. Mastrocola

Elenca i libri per l’infanzia che secondo te tutti i bambini e le bambine dovrebbero leggere alle elementari.

I testi di G. Rodari, di R. Piumini, di B. Pitzorno, di R. Dahl, “Le avventure di Pinocchio” di C. Collodi

Elenca i libri che secondo te tutti i ragazzi e le ragazze dovrebbero leggere alle scuole medie o alle superiori.

Per le classi prime di scuola secondaria di I grado direi le “Favole” di L. Sepulveda e “L’inventore di sogni” di I. Mc Ewan; per le classi seconde “Viki che voleva andare a scuola” di F. Gatti; per le classi terze “Per questo mi chiamo Giovanni” e “O’ Maé, Storia di judo e di camorra” di L. Garlando; “Il Muro” e “Storia di Iqbal” di F. D’ Adamo, “Il razzismo spiegato a mia figlia” di T. B. Jelloun. Per la scuola secondaria di II grado mi sentirei di consigliare i testi del prof. D’ Avenia.

"Capriole sotto il temporale" di K. Rundell

Qual è il libro perfetto per un/una 12enne da leggere nel periodo estivo?

Mi appello al “diritto di leggere qualsiasi cosa” di D. Pennac! Scherzo! Qualche anno fa, d’estate, ho scoperto “Capriole sotto il temporale” di K. Rundell, l’ho amato tantissimo! Bellissimo anche “A un passo da un mondo perfetto” di D. Palumbo!

Qual è il libro perfetto per un/una 17enne da leggere nel periodo estivo?

A una ragazza, consiglierei di imbattersi in I. Allende; ad un ragazzo consiglierei di scoprire N. Ammaniti. In entrambi i casi, volutamente, indico gli autori e non i testi, sperando di incuriosire il potenziale lettore!

Le tre regole d’oro per scrivere al meglio

1) Scrivere non dando nulla per scontato, pensando che chi legge deve pian piano essere “guidato” nella storia che sta leggendo;
2) liberare la “fantasia”;
3) non tralasciare l’esperienza personale.

Qual è il libro che utilizzi più spesso per attività didattiche in classe?

Negli anni, mi sono ormai affezionata a libri ed autori che mi piace riproporre; ad esempio per le classi prime di scuola secondaria di I grado, un “classico” è “La storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare” di L. Sepulveda

E che tipo di attività ami svolgere con questo testo?

La lettura di questo testo, proposto in genere nel secondo quadrimestre, permette molte attività: la lettura collettiva in classe, la riproduzione della copertina e dei personaggi sui quaderni degli alunni, spunti di riflessione sull’ amicizia, sulle caratteristiche personali, sulla diversità…nessuno sfugge al fascino dell’ espressione diventata ormai proverbiale: “Vola solo chi osa farlo”!

Commenti

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Contenuti correlati

passaggio-dalle-scuole-medie-alle-superiori

Dalle scuole medie alle superiori: quando cambiare significa (ri)scoprirsi.

di

Il suono della campanella che segna la fine dell’ultimo giorno di scuola media. Gli schiamazzi euforici lungo il corridoio fino all’uscita. La scorciatoia sterrata bruciata dal sole inclemente, le scarpe […]

Leggi
da-grande-voglio-fare-la-giornalista-scientifica

Da grande voglio fare la giornalista scientifica! Otto domande a Valentina Torchia

di

Come, quando, perché si decide di diventare giornalista scientifica? Qual è la miccia che si accende e che ti fa desiderare di scrivere articoli scientifici, che siano accattivanti ma allo […]

Leggi
da grande voglio fare la libraia libraio

Da grande voglio fare la libraia! Otto domande a Laura Orsolini

di

Come, quando perché si decide di diventare libraia? Qual è la miccia che si accende e che ti fa desiderare di aprire una libreria tutta tua? L’abbiamo chiesto a Laura […]

Leggi
da-grande-voglio-fare-lillustratrice-intervista-a-fraffrog

Da grande voglio fare l'illustratrice! Otto domande a Fraffrog

di

Come, quando perché si decide di diventare illustratrice? Qual è la miccia che si accende e che ti fa desiderare di “illustrare, studiare, colorare e progettare” con i colori, le […]

Leggi
da-grande-voglio-fare-lo-scrittore-umoristico

Da grande voglio scrivere libri che fanno ridere! Otto domande a Francesco Muzzopappa

di

Come, quando perché si decide di scrivere solo libri umoristici? Qual è la miccia che si accende e che ti fa desiderare di scrivere libri che facciano ridere a crepapelle? […]

Leggi
intervista alla prof maria elisabetta

Intervistiamo la prof Maria Elisabetta!

di

Ogni mese la redazione di Digital Merenda intervista una insegnante o un insegnante. Perché? Perché siamo curiosi! Vogliamo scoprire quale libro ha cambiato le loro vite, come e quando hanno […]

Leggi